Al via i bandi UE 2022 per la promozione dei prodotti agricoli

Promozione prodotti agricoli - Photo credit: Foto di Larry White da PixabayLa Commissione europea ha pubblicato le call per la concessione di finanziamenti a favore di campagne di promozione dell'agroalimentare made in EU nell'Unione europea e nei mercati dei Paesi. A disposizione circa 180 milioni di euro.

Fondi europei: Bruxelles a lavoro per restyling politica di promozione dei prodotti agricoli UE

In linea con quanto anticipato dal programma di lavoro pubblicato da Bruxelles a dicembre, i nuovi bandi UE per le campagne di informazione e promozione dei prodotti agroalimentari europei prevedono un focus particolare sugli obiettivi dell'European Green Deal, ad esempio attraverso la sensibilizzazione dei consumatori sui prodotti provenienti da agricoltura biologica e sostenibile.

Il programma di lavoro 2022 per la promozione dei prodotti agroalimentari made in EU

Attualmente in fase di riesame, la politica di promozione agroalimentare dell'UE sarà nei prossimi anni sempre più orientata a sostenere la transizione verso sistemi alimentari sostenibili e a spingere i consumatori verso diete sane ed equilibrate, coerentemente con la strategia Farm to fork, con il piano d'azione per l'agricoltura bio e quello di lotta contro il cancro e con la comunicazione sull'iniziativa dei cittadini europei "End the cage age".

In attesa della conclusione del processo di revisione, il programma di lavoro 2022, come quello del 2021, mira già a contribuire agli obiettivi dell'European Green Deal, favorendo la promozione dei prodotti da agricoltura biologica e sostenibile, incentivando il consumo di ortofrutticoli e valorizzando gli standard UE in materia di benessere degli animali.

“La nostra politica di promozione svolge un ruolo fondamentale nella transizione verso sistemi alimentari sostenibili”, ha commentato il commissario per l'Agricoltura, Janusz Wojciechowski. “Il nostro obiettivo è sensibilizzare in merito all'agricoltura biologica e a pratiche agricole più sostenibili, abbinate alla promozione di ortofrutticoli freschi, essenziali per un'alimentazione sana ed equilibrata. La domanda per questi prodotti deve crescere se vogliamo che un maggior numero di produttori aderisca alla transizione verde”.

Oltre a valorizzare sostenibilità ambientale e salubrità dei prodotti agroalimentari europei, le attività finanziate dai bandi 2022 serviranno a promuovere anche gli standard UE in materia di sicurezza e i regimi di qualità, come le indicazioni geografiche nell'Unione.

La promozione sui paesi terzi si concentrerà prioritariamente sui mercati con un elevato potenziale di crescita, come il Giappone, la Corea del Sud, il Canada e il Messico, per migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari dell'Unione, ottimizzarne l'immagine e aumentare la loro quota di mercato nei paesi interessati.

I bandi 2022 per la promozione dei prodotti agricoli

Dei 185,9 milioni di euro per la promozione dei prodotti agroalimentari europei all'interno e all'esterno dell'UE stanziati per il 2022, 176,4 milioni di euro sono destinati alle call, quindi al cofinanziamento dei programmi di promozione che verranno selezionati tra le proposte presentate in risposta ai bandi pubblicati dalla Commissione il 20 gennaio. Le risorse residue sosterranno altre iniziative gestite dall'UE in questo campo.

I bandi sono aperti ad un'ampia gamma di organismi beneficiari, pubblici e privati, tra cui organizzazioni professionali, organizzazioni di produttori e loro associazioni e gruppi agroalimentari responsabili delle attività di promozione.

Tra le attività finanziabili rientrano fiere, eventi, attività sui social media, pubblicità sulla stampa cartacea, via TV, radio e online, gadget, video promozionali, seminari e giornate di degustazione.

Le proposte devono essere presentate, tramite il portale dedicato, entro il 21 aprile 2022, mentre l'esito delle valutazioni della Commissione e gli elenchi dei beneficiari dei finanziamenti saranno resi noti in autunno.

Per i soggetti interessati, l'European Research Executive Agency (REA) fornisce una serie di strumenti di assistenza, tra cui due giornate informative in programma l'1 e il 2 febbraio: il primo info day è volto ad illustrare aspetti politici quali la revisione della politica di promozione e le priorità dei nuovi inviti a presentare proposte, il secondo intende facilitare lo sviluppo di campagne di successo, anche attraverso sessioni di matchmaking tra potenziali partner di progetto.

Photo credit: Foto di Larry White da Pixabay 

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.