I bandi per le comunità energetiche rinnovabili

Comunità energetiche - Foto di Kindel MediaIn attesa di regole certe per gli incentivi nazionali e del bando PNRR per sostenere le comunità energetiche rinnovabili, non mancano una serie di bandi emanati da regioni e altri soggetti per riunire i consumatori nella produzione di energia green. 

Caro energia e PNRR spingono le comunità energetiche: a che punto sono le Regioni?

Complici i prezzi sempre più alti dell’energia e le semplificazioni normative adottate negli ultimi mesi, le comunità energetiche rinnovabili sono sempre più diffuse sul territorio nazionale.

Cosa sono le comunità energetiche rinnovabili?

Partiamo dalle definizioni: per comunità energetica si intende un’associazione tra cittadini, attività commerciali, pubbliche amministrazioni o PMI che decidono di unirsi per dotarsi di uno o più impianti condivisi per la produzione e l’autoconsumo di energia elettrica da fonti rinnovabili.

I vantaggi sono molteplici, in primis sul piano del risparmio in bolletta per gli associati alle cosiddette CER, acronimo di comunità energetiche rinnovabili. Vantaggi dettati anche da incentivi ad hoc previsti già nel 2019 dal Milleproroghe e regolati dal decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 16 settembre 2020, che definisce nel dettaglio la tariffa per l’energia autoconsumata. 

Per approfondire consulta la guida su autoconsumo, comunità energetiche e agli incentivi a disposizione

Agli incentivi nazionali si aggiungono una serie di misure adottate dalle singole Regioni che hanno previsto investimenti sempre più corposi e consistenti per dare vita a comunità energetiche rinnovabili, anche alla luce dell’iniezione di risorse che arriveranno a breve dal PNRR. 

Il Recovery Plan, infatti, stanzia più di 2 miliardi di euro per installare 2.000 MW di nuova capacità di generazione elettrica in configurazione distribuita da parte di comunità energetiche rinnovabili puntando sui Comuni con meno di 5.000 abitanti, quelli cioè più a rischio di spopolamento. 

Per saperne di più: Le anticipazioni sul bando PNRR per comunità energetiche rinnovabili e autoconsumo

In questo solco si inquadrano una serie di bandi che, da Nord a Sud, intendono sostenere economicamente i cittadini, le associazioni, le imprese e le amministrazioni che intendono dare vita a tali realtà.

I bandi per le comunità energetiche rinnovabili

Il primo bando di questa panoramica è quello lanciato da IFEC – Italian Forum of Energy Communities. In occasione della Conferenza Annuale delle Comunità Energetiche, il forum italiano delle comunità energetiche prevede il riconoscimento per l’iniziativa CER di maggior rilevanza nazionale nel 2022, distintasi da un punto di vista di innovazione tecnologica e sociale. 

Non solo. La “CER dell’anno 2022” si aggiudicherà infatti anche il premio Prof. Michele Calì, dedicato alla memoria del professore emerito del Politecnico di Torino scomparso nel 2021, che prevede l’erogazione da parte della famiglia Calì di un premio di 2.400 euro vincolato ad attività per lo sviluppo della comunità energetica vincitrice. 

Le domande di accesso al premio - rivolto alle comunità energetiche già costituite come soggetto giuridico o dotate di impianti di produzione rinnovabile già funzionanti - possono essere inviate entro il 1° novembre.

Per saperne di più consulta la scheda sintetica del bando

Spostiamo il radar ora sui bandi emanati dalle Regioni.

La Regione Lombardia ha lanciato un invito agli enti locali per approfondire le potenzialità del territorio per lo sviluppo di comunità per la generazione e condivisione dell’energia elettrica e termica da fonti rinnovabili. Bando che rappresenta una prima messa a terra degli investimenti programmati attraverso la legge regionale approvata il 16 febbraio scorso con cui la Regione prevede di investire 22 milioni per realizzare una rete diffusa di comunità energetiche rinnovabili.

L'avviso si articola in due fasi: nella prima i Comuni presentano una proposta di comunità energetica che, se ritenuta meritevole, sarà inserita in un apposito elenco; quindi verranno attivate specifiche misure di supporto finanziario.

Le proposte di comunità energetiche potranno essere presentate dai Comuni entro il 30 dicembre.

Per saperne di più consulta la scheda sintetica del bando

Budget di tutto rispetto, 68 milioni di euro, per il bando NextAppennino rivolto ai territori dei due crateri post-sisma 2009 e 2016-17 dell’Appennino centrale, per realizzare sistemi centralizzati di produzione e distribuzione intelligente di energia e/o calore da fonti rinnovabili, anche attraverso comunità energetiche per la condivisione dell’energia.

Anche in questo caso i contributi sono rivolti agli Enti e alle amministrazioni pubbliche, anche in partenariato con le imprese. Dal 30 settembre al 31 ottobre i soggetti ammissibili possono inviare la richiesta di contributo.

Per saperne di più consulta la scheda sintetica del bando

Sempre ai Comuni sono rivolti gli avvisi pubblicati dalle Regioni Campania e Friuli Venezia Giulia.

La Campania stanzia 1 milione di euro per concedere contributi a favore dei Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti affinché promuovano la costituzione di Comunità Energetiche Rinnovabili e Solidali.

L'obiettivo è duplice: da un lato superare l’utilizzo delle fonti fossili diffondendo la produzione e la condivisione di energie da fonti rinnovabili, dall'altro promuovere l’autoconsumo, massimizzare il consumo locale dell’energia e abbattere i costi energetici per cittadini e imprese, anche in previsione della centralità che tali forme aggregate di autoconsumo assumeranno nella concreta attuazione della transizione ecologica promossa e sostenuta dal PNRR.

Le domande di accesso ai contributi possono essere inviate dal 10 al 25 novembre

Per saperne di più consulta la scheda sintetica del bando

Anche il Friuli Venezia Giulia ha pubblicato un bando per gli enti pubblici che progettano e realizzano impianti fotovoltaici e costituiscono comunità energetiche rinnovabili.

I contributi, che possono arrivare fino a mezzo milione di euro, coprono interventi di progettazione e realizzazione di impianti fotovoltaici, opere di connessione, sistemi di accumulo elettrico connessi all'impianto fotovoltaico ma anche opere e dotazioni sia hardware che software per realizzare smart grid e le altre infrastrutture indispensabili alla costruzione e all’esercizio degli impianti.

Gli enti pubblici hanno a disposizione un mese di tempo, dal 21 ottobre al 21 novembre, per inviare le domande.

Per saperne di più consulta la scheda sintetica del bando

Dai Comuni alle imprese. E' per la precisione alle micro e piccole imprese artigiane, commerciali, industriali e dei servizi che si rivolge 'Green & Energy Innovation', il bando della Regione Molise per l’innovazione dei processi produttivi finalizzati alla promozione dell’'efficientamento energetico e dello sviluppo sostenibile. Avviso che vale 4 milioni di euro e che è rivolto anche alle imprese costituite sotto forma di comunità energetica.

Per saperne di più consulta la scheda sintetica del bando

Di poco superiore (5 milioni) il budget del bando della Provincia autonoma di Trento per sostenere gli investimenti nel fotovoltaico. I beneficiari restano le imprese - in particolare quelle dei settori industria, artigianato, commercio, e turismo - che installano impianti fotovoltaici, anche combinati a sistemi di accumulo.

L’obiettivo finale del bando sostenere l’aumento della produzione da fonti rinnovabili, in via prioritaria per l’autoconsumo delle singole imprese ma anche per la condivisione dell’energia elettrica rinnovabile prodotta tramite comunità energetiche rinnovabili. Le domande possono essere inviate fino ad esaurimento delle risorse disponibili, comunque non oltre la fine del 2023.

Per saperne di più consulta la scheda sintetica del bando

Foto di Kindel Media