Copyright: con la legge di delegazione europea piu' tutele per editori e autori

Legge delegazione europea copyrightCon l'approvazione da parte del Senato della legge di delegazione europea, che ora passa alla Camera, l'Italia si prepara a recepire la direttiva europea sul copyright (direttiva UE 790-2019). In arrivo maggiori tutele per editori e autori, anche sul fronte della remunerazione per l’utilizzo delle pubblicazioni online di carattere giornalistico.

Cosa prevede la direttiva UE sul copyright

L'articolo 9 della legge di delegazione europea 2019 definisce principi e criteri per il recepimento da parte del Governo italiano della direttiva UE n. 790-2019, destinata ad armonizzare ulteriormente il quadro giuridico europeo applicabile al diritto d'autore e ai diritti connessi nell'ambito del mercato unico digitale.

Come l'Italia recepisce la direttiva UE sul copyright

Con riferimento all'articolo 8 (Utilizzo di opere fuori commercio e di altri materiali da parte di istituti di tutela del patrimonio culturale) della direttiva UE sul diritto d'autore, l'Italia si impegna ad applicare la definizione di "istituti di tutela del patrimonio culturale" nell’ac­cezione più ampia possibile, e a stabilire le procedure che permettono ai titolari dei diritti - che non abbiano auto­rizzato gli organismi di gestione collettiva a rappresentarli - di escludere le loro opere o altri materiali dal meccanismo di conces­sione delle licenze, o dall’applicazione dell’eccezione o limita­zione prevista dall'articolo stesso.

Sempre in virtù dell'articolo 8, saranno individuati i requisiti spe­cifici per determinare se un’opera e altri ma­teriali possano essere considerati "fuori commercio", insieme alla disciplina applicabile nel caso in cui l’opera, oltre ad essere fuori commercio, sia anche "orfana".

> Rinnovabili, autoconsumo, mercato dell'energia: cosa prevede la legge di delegazione europea

La legge di delegazione europea si sofferma anche su altri aspetti della direttiva UE sul diritto d'autore, tra cui: le eccezioni e le limitazioni per l'estrazione di testo e di dati per scopi di ricerca scientifica; l'utilizzo di opere e altri materiali in attività didattiche digitali e transfrontaliere; l'uso di contenuti protetti da parte di prestatori di servizi di condivisione di contenuti online.

Editori e autori: piu' tutele anche per le pubblicazioni giornalistiche online

Ai sensi dell'articolo 15 (Protezione delle pubblicazioni di carattere giornalistico in caso di utilizzo online) della direttiva UE n. 790-2019, la legge di delegazione europea prevede che - nel caso di utilizzo online delle pubblicazioni di ca­rattere giornalistico da parte dei prestatori di servizi della società dell’informazione - siano adeguatamente tutelati i diritti degli editori e degli autori.

In particolare, dovrà essere definita la "quota adeguata" dei pro­venti percepiti dagli editori per l’utilizzo delle pubblicazioni di carattere giornalistico destinata agli autori, tenendo in particolare considerazione i loro diritti.

Dovrà essere stabilita anche la quota del compenso spettante agli editori nel caso in cui l’o­pera sia utilizzata in virtù di un’eccezione o di una limitazione - come previsto dall'articolo 16 (Richieste di equo compenso) della direttiva UE sul copyright - sempre tenendo in debito conto i diritti degli autori.

> Legge delegazione europea: Italia si adegua a direttiva pratiche commerciali scorrette

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.