Linea di credito CDP-TDB fino a 50 milioni per sostenere PMI in Africa

Accordo CDP-TDBCassa Depositi e Prestiti ha perfezionato la prima operazione di finanza d’impatto in favore della Eastern and Southern African Trade and Development Bank (TDB), tra le principali istituzioni multilaterali attive in Africa nella promozione del commercio e dell’integrazione economica regionale. 

UE-Banca mondiale: come cambia l’uso delle risorse UE per la cooperazione

L’operazione prevede la concessione di una linea di credito fino a 50 milioni di euro per favorire lo sviluppo nei settori dell’agroindustria, delle infrastrutture sociali, della salute e dell’educazione, dei trasporti e della logistica.

Grazie al finanziamento di CDP, la Eastern and Southern African Trade and Development Bank potrà sostenere le PMI locali operanti in settori chiave colpiti dalla crisi pandemica di Covid-19, contribuendo a stabilizzare il sistema delle relazioni economiche e riattivare i flussi commerciali con l’Italia e con l’Europa. 

La nuova partnership consentirà a CDP di supportare proposte progettuali innovative per oltre 200 milioni di euro e ampliare le opportunità di export per le imprese italiane attive in Africa subsahariana.

L’operazione inserisce CDP nel novero delle Istituzioni Finanziarie Internazionali partner di TDB, tra le quali la Banca Europea per gli Investimenti (BEI), Kreditanstalt für Wiederaufbau (KfW), Commonwealth Development Corporation (CDC), Agence Française de Développement (AFD) e African Development Bank (AfDB).

"La partnership strategica con TDB consentirà a CDP di supportare iniziative ad alto impatto in Africa e sostenere l’interscambio commerciale con le imprese italiane nell’ambito di filiere sostenibili”, ha dichiarato Antonella Baldino, Chief CDP International Development Finance Officer, “Il finanziamento rafforza il ruolo di CDP nel panorama della finanza per lo sviluppo sostenibile e conferma il nostro impegno verso il raggiungimento degli SDGs nei settori di eccellenza del sistema Italia”. 

Bilancio UE: come cambia lo strumento per l’azione esterna dopo il Covid

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.